Cosa esser tu?

alice - who are you

 

Questo blog è superstite dei vecchissimi Space di MSN, che ormai sembrano quasi vintage. Mi sono sempre divertita a scrivere e ne ho sempre sentito il bisogno, infatti negli anni ho malauguratamente aperto vari blog che per loro inconsistenza ho mantenuto privati. Adesso sto tentando un “ritorno alle origini” al vecchio Space convertito a WordPress, gestendolo magari con un po’ di “sale in zucca”, ma non so se ci riuscirò perchè è la prima volta che cerco di metterci un minimo impegno.

In teoria, quindi, mi piacerebbe soprattutto fare paragoni (frivoli? divertenti? utili? ok sto esagerando) tra romanzi e relative trasposizioni cinematografiche, visto che, anche se non sono esperta, sono di certo appassionata a entrambi i generi. Non posso fare commenti tecnici ma solo osservazioni e commenti personali che -la mia più grande speranza- possano invogliare qualche lettore a provare un nuovo libro.

Molto spesso potrei anche sfociare in post deliranti o di auto-analisi, perchè come Zeno Cosini, scrivere delle mie debolezze me le rende accettabili, e se mai qualcuno dovesse riflettersi in esse, mi sentirei meno pazza e/o sola.

 

Aggiornamento del 26 Giugno 2014: ho notato, rispetto ad altri blog, che i miei post sono dei Wall of Text. Lo so che leggere, a volte, è una palla*, e che il tempo per leggere WOT è poco etc, ma io sono grafomane quindi andrò avanti così in ogni caso.

*spesso dipende da COSA si legge, ma a volte ci si scoccia a prescindere.

 

Aggiornamento del 4 Luglio 2014: ho notato che avere materia prima e grigia per i soliti post film&libri (che mi diverto un sacco a scrivere) non è cosa facile, e che soprattutto ho più bisogno di scrivere le assurdità che mi vengono in mente per intossicare questo blog invece del mio pseudo-animo pseudo-tormentato. ERGO, non so se creerò una pagina a parte per quei post sensati e se metterò in ordine i deliri. Devo decidere.

In tutto ciò, gli ingranaggi stanno girando: il nome di questo blog deriva da una frase di Oscar Wilde (forse) in The importance of being Ernest, e proprio questo blog mi serve per scaraventarci dentro tutte le schifezze che altrimenti mi renderebbero un soggetto davvero detestabile, proprio come in Dorian Gray’s Picture. Dato che, anche se facessi un patto col Diavolo, questi mi ignorerebbe (e comunque non lo farei perché mi secco), uso questo Rudere come Ritratto così degenera lui e io mi mantengo libera e felice come una farfalla.

Aggiornamento del 24 Ottobre 2014: non finirò mai di essere insoddisfatta delle grafica di questo blog, quindi continuerò incessantemente a cambiare tema etc finchè non il team di WordPress non ne creerà uno perfettamente perfetto che sicuramente dopo qualche tempo cambierò di nuovo.

Ciao per ora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...